08 febbraio 2019

Bollettino dell'Ocds: una correzione

"Crescere il fraternità" il notiziario a cura di Stefania De Bonis con le notizie riguardanti la spiritualità carmelitana, i vari gruppi ocds, approfondimenti catechistici, note sul magistero della Chiesa, il programma di formazione permanente 2019/2021. Il numero si apre con un articolo sui due carmelitani-simbolo della Shoah, Edith Stein e Tito Brandsma, a pochi giorni dalla Giornata della Memoria. Il numero è disponibile cliccando qui




Errata Corrige: all'interno del numero troverete un prospetto del Libro della Vita errato. 
Ecco il file che grazie alla segnalazione del nostro ex assistente abbiamo corretto:


Ecco la versione corretta
 Capp. 1-10: Autobiografia: La lotta di Teresa per trovare la sua strada seguendo Gesù verso Dio
Capp. 11-22: La preghiera mentale: Un piccolo trattato sulla preghiera: quattro forme per pregare o innaffiare il giardino dell’interiorità
Capp. 23-24: Autobiografico.
Capp. 25-31: Dottrinale, con qualche dato autobiografico come la visita di San Pietro di Alcantara (27), la trasverberzione (29).
Capp. 32-36: Fondazione San Giuseppe
Capp. 37-40: Dottrinale

Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 10 Febbraio 2019

11 gennaio 2019

Peregrinatio delle reliquie di Elisabetta della Trinità


Prosegue la peregrinatio delle Reliquie di Santa Elisabetta della Trinità, carmelitana scalza.

Santa Elisabetta della Trinità (clicca per conoscerla meglio) al secolo Elisabeth Catez (Bourges, 18 luglio 1880- Dijon 9 novembre 1906), beatificata da san Giovanni Paolo II il 25 settembre 1984 in piazza San Pietro a Roma e canonizzata il 16 ottobre 2016.
Santa Elisabetta della Trinità si fa oggi pellegrina nella Provincia Napoletana dei Carmelitani Scalzi: ieri è stata accolta a Maddaloni, dove resterà fino a domenica.

Altra tappa importante del prezioso reliquiario sarà in Puglia, nel santuario di Jaddico (Brindisi). Qui le reliquie saranno accolte da venerdì 18 al 20 gennaio
Questa peregrinatio è stata fortemente voluta da p. Romano Gambalunga, postulatore per le cause dei santi, organizzata con il vice postulatore della causa di S. Elisabetta della Trinità,  P. Antonio Sangalli. 





































P. Romano Gambalunga sottolineò, presentando l'iniziativa: "Un aspetto dell’attualità di Elisabetta e, se vogliamo, del suo profetismo, è sicuramente da rilevare nell'avere maturato e vissuto grande parte della sua profonda esperienza dell’amore trinitario che Gesù è venuto a comunicarci, vivendo la sua esperienza umana con intensità e completezza, come ogni giovane, immersa in molteplici attività, coltivando mille interessi, godendo appieno di ciò che la vita le offriva.La più alta esperienza di intimità e consegna di sé all'Amato la visse immersa nella vita del mondo, senza rifiutare alcuna dimensione della propria umanità. Elisabetta, però, non è conosciuta per questo, quanto per il suo messaggio prettamente spirituale e la sua profonda teologia esistenziale.

L’iniziativa della peregrinatio delle reliquie è pensata perciò, proprio come occasione di far conoscere Elisabetta anche al di fuori degli ambienti “spirituali” del Carmelo, della vita religiosa, dei seminari, della teologia accademica, facendo leva sul potere di attrazione e coinvolgimento che l’accoglienza dell’Urna – contenente delle reliquie insigni ex ossibus – debitamente preparata, sa esercitare. L’intento, in poche parole, è favorire l’incontro tra lei – con il suo modo così semplice di trovare in tutte le cose e le attività il Dio che ci ama, imparando a donarsi a Lui per assomigliare a suo Figlio Gesù Cristo – e soprattutto i nostri amici laici (giovani, lavoratori, disoccupati), perché trovino la pienezza della loro vita mediante la parola e la presenza di questa grande Santa, che ci insegna ad accogliere la parola di Dio con estremo realismo conducendoci alle profondità della vita trinitaria in Cristo Gesù


05 gennaio 2019

S. Agostino ci spiega l'Epifania

Un brano di un santo molto amato nel Carmelo, S. Agostino ci introduce nello spirito della festa odierna: 

L`Epifania, il cui nome deriva dalla lingua greca, in latino può essere chiamata manifestazione.
Oggi, si è rivelato il Redentore di tutte le genti e a tutte le genti chiede solennità.
E, per questo, abbiamo celebrato la sua nascita, pochissimi giorni fa, e oggi celebriamo la sua stessa manifestazione.
Il Signore nostro Gesù Cristo, nato da tredici giorni, si dice sia stato adorato oggi dai Magi.Poiché avvenne che la verità del Vangelo parla: ma in quale giorno sia avvenuto dovunque l`importanza di questa solennità così gloriosa, lo dichiara.Sembrò giusto, infatti, e veramente è giusto, che poiché, primi fra i Gentili, i Magi conobbero il Signore Gesù, e, non ancora impressionati dalla sua parola, seguirono la stella apparsa loro che parlò loro visibilmente in luogo del Verbo incarnato, come lingua del Cielo (Mt 11,1-12), affinché i Gentili conoscessero, per grazia, il giorno della salvezza delle sue primizie, e lo dedicassero al Cristo Signore con solenne ossequio ed azione di grazie.Le primizie, certo, dei Giudei per la fede e la rivelazione del Cristo, esistettero in quei pastori, qui nello stesso giorno in cui egli nacque, lo videro col venire da molto vicino.Gli angeli annunziarono a quelli, la stessa a questi.A quelli fu detto: Gloria a Dio dal sommo dei Cieli (Lc 2,14): in questi si compì: I cieli cantano la gloria di Dio (Sal 18,2).
Gli uni e gli altri, senza dubbio, come gli inizi delle due pareti che provenivano da condizione diversa: dalla circoncisione e dal prepuzio accorsero alla pietra principale: per la loro pace, che l`una e l`altra cosa rendeva una sola (Ef 2,11-12). Nei Giudei fu prima la grazia, nei Gentili più abbondante l`umiltà.Veramente quelli lodarono Dio, perché avevano visto il Cristo: ma questi adorarono anche il Cristo che avevano visto.In quelli fu prima la grazia, in questi, più abbondante l`umiltà.
Forse quelli pastori di poca importanza, esultavano più fervidamente per la loro salvezza: ma questi Magi ricoperti di molti peccati chiedevano più umilmente il perdono. Questa è quella umiltà, che la Divina Scrittura esalta più in quelli che provenivano dai Gentili che nei Giudei.Dai Gentili, infatti, proveniva quel centurione che, avendo ricevuto il Signore con tutto il cuore, tuttavia si ritenne indegno, che egli esitasse nella sua casa, né volle che il suo ammalato fosse visto da lui, ma (volle) che si comandasse al salvo (cf. Mt 7,5-10).  Così più intimamente lo considerava presente nel cuore, la cui presenza egli, nobilmente, teneva lontano dalla sua casa. Finalmente il Signore disse: «Non ho trovato in Israele una fede così grande». Anche quella donna Cananea viveva tra i Gentili e, quando si sentì chiamare dal Signore cane, e giudicata indegna che il pane dei figli fosse dato a lei, come un cane si accontentò delle briciole: e perciò non meritò di esserlo, poiché non rifiutò quello che non era stata.Infatti, in persona ascoltò queste parole dal Signore: O donna grande è la tua fede (ibid., 15, 21-28). L`umiltà in lei aveva reso grande la fede; perché essa stessa si era fatta piccola.I pastori dunque vengono da vicino a vedere, e i Magi vengono da lontano ad adorare.Questa è l`umiltà con la quale meritò di essere innestata sull`olivo selvaticamente, e di portare l`olivo contro natura (cf. Rm 11,17)...
Celebriamo, dunque, con molta devozione questo giorno, e adoriamo presente nel Cielo, il Signore Gesù che quelle nostre primizie adorarono giacente nella mangiatoia.In lui, certo, essi veneravano ciò che accadrebbe, che noi veneriamo già adempiuto.Le primizie dei Gentili, lo adorarono raccolto sul seno materno: i Gentili lo adorarono seduto alla destra di Dio Padre.

(S. Agostino, Sermo 203, 1)

23 dicembre 2018

Ecco il Dio che si fa Bambino



Gesù sta per arrivare, prepariamogli una culla nel nostro cuore! BUON NATALE !!!!!

E come si vive il Natale nella terra della Sacra Famiglia? Qui siamo sul Monte Carmelo, ad Haifa