13 marzo 2013

Il saluto di Papa Francesco

"Il dovere del Conclave era dare un vescovo a Roma: sembra che i miei fratelli  cardinali sono andati a prenderlo quasi alla fine del mondo…. Prima di tutto vorrei fare una preghiera per il nostro vescovo emerito Benedetto XVI: preghiamo tutti insieme per lui, il Signore lo benedica, la Madonna lo custodisca. Adesso vorrei dare la benedizione, ma prima vi chiedo un favore. Prima che il vescovo benedica il popolo vi chiedo che voi preghiate Dio di benedire il vostro vescovo''.
“Grazie per l’accoglienza, pregate per me e ci vediamo presto. Domani voglio andare a pregare la madonna perché custodisca tutta Roma". 
Lo ha detto papa alla folla di San Pietro, il  nuovo Papa, l’argentino Jorge Mario Bergoglio, gesuita, 76 anni .  Inizialmente un po’ impacciato, Francesco I è nato a Buenos Aires, la città di cui diventerà arcivescovo, il 17 dicembre 1936, da una famiglia di origini piemontesi, si è diplomato come tecnico chimico, quindi è entrato nel noviziato della Compagnia di Gesù, ha compiuto studi umanistici in Cile e quindi in Argentina ha conseguito la laurea in filosofia e successivamente in teologia. Ha fatto il professore e il rettore del collegio massimo e delle Facoltà di Filosofia e Teologia e al contempo parroco del Patriarca San José, nella diocesi di San Miguel. Nel 1986 ha completato in Germania la sua tesi di dottorato, quindi i superiori lo hanno destinato alla chiesa dei gesuiti di Cordoba come direttore spirituale e confessore. Nel 1992 Giovanni Paolo II l’ha nominato vescovo ausiliare di Buenos Aires, nel 1997 è diventato coadiutore e un anno dopo è succeduto al cardinale Antonio Quarracino, per sei anni, fino al 2011 è stato presidente della Conferenza episcopale argentina.
 Il nuovo Papa, nelle congregazioni pre-conclave aveva parlato di un cristianesimo della misericordia e della letizia. I suoi preti prediletti sono quelli che lavorano nelle «villas miserias», le baraccopoli della capitale argentina. La Chiesa, ripete, deve mostrare il volto della misericordia di Dio. 
“La speranza viene dal Signore e il Signore viene a trovare il suo popolo dappertutto”, ha detto in una recente intervista riproposta in televisione.