15 agosto 2013

Oggi ricordiamo l'Assunzione in Cielo di Maria

"Tu che il cielo, in questo bel giorno di festa, o buona madre conduce tra noi vieni a benedire e a rendere ancora più completa la nostra unione. Rivederti è così dolce...dal tuo nido hai preso il volo e sei andata a incotrare lo Sposo. Ma non sei esiliata: il tuo cuore di Madre è rimasto fra noi
 B. Elisabetta della Trinità, carmelitana scalza
 Oggi la Chiesa ci fa meditare dal Vangelo di Luca, il Magnificat, una vera e propria danza di lode al Signore che l'ha chiamata. Dovremmo imparare a riconoscere, come Maria nel Magnificat,che il Signore è grande e tiene sempre il proprio sguardo posato su di noi, come suggerisce anche il salmo 139.
Come ci ricordò il 15 agosto del 2011 papa Benedetto XVI : "Nel contemplare la Vergine Maria ci è data un’altra grazia: quella di poter vedere in profondità anche la nostra vita. Sì, perché anche la nostra esistenza quotidiana, con i suoi problemi e le sue speranze, riceve luce dalla Madre di Dio, dal suo percorso spirituale, dal suo destino di gloria: un cammino e una meta che possono e devono diventare, in qualche modo, il nostro stesso cammino e la nostra stessa meta". 


(...)  Ella ci apre alla speranza, ad un futuro pieno di gioia e ci insegna la via per raggiungerlo: accogliere nella fede, il suo Figlio; non perdere mai l’amicizia con Lui, ma lasciarci illuminare e guidare dalla sua parola; seguirlo ogni giorno, anche nei momenti in cui sentiamo che le nostre croci si fanno pesanti. Maria, l’arca dell’alleanza che sta nel santuario del Cielo, ci indica con luminosa chiarezza che siamo in cammino verso la nostra vera Casa, la comunione di gioia e di pace con Dio".

(Benedetto XVI)