28 dicembre 2013

I primi martiri innocenti della storia


Gli innocenti che rendono testimonianza a Cristo non con le Parole, ma con il sangue, ci ricordano che il martirio è dono gratuito del Signore. 
Le vittime immolate dalla ferocia di Erode appartengono, insieme a santo Stefano e all'evangelista Giovanni, al corteo del re messiniaco e ricordano l'eminente dignità dei bambini nella Chiesa. (Messale Romano)


La Chiesa onora come martiri tutti i fanciulli, vittime ignare del sanguinario re Erode, strappati dalle braccia materne in tenerissima età per scrivere col loro sangue la prima pagina dell'albo d'oro dei martiri cristiani. 
L'episodio è narrato soltanto dall'evangelista Matteo.