12 luglio 2018

Verso la Solennità della B. V. Maria del Monte Carmelo (6)



Il Carmelo per singolare provvidenza di Dio è stato destinato al culto e alla venerazione della Madre di Dio; lo Scapolare, la cui origine viene dall’ Ordine del Carmelo, è il mezzo ap­provato dalla Chiesa per onorare la Madre di Dio.Oltre ai sette sacramenti della Chiesa, che sono segni sacri che significano e producono la grazia, esistono anche altri segni e aiuti per il cammino di fede.Lo Scapolare è detto ed è realmente un segno di salvezza, è il sacramento della Vergine Madre di Dio perché è il segno visibile delle realtà spirituali che stimolano l’impegno nell’amore e nella fede, come anche stimolano l’impegno per il cammino di santifi­cazione, cioè apertura al dono che lo Spirito vuole fare a ciascuno di noi per renderci simili a Dio.Lo Scapolare è segno specifico del no­stro servizio alla Vergine, Signora del mondo; è il marchio che la Vergine SS.ma pone nel cuore di ciascuna persona perché possa portarlo per sempre e perché dalla bocca di chi lo indossa venga pronunziato il nome di Maria, dopo quello di Dio, in tutti gli atti e gli impegni che si svolgono.Lo Scapolare è il memoriale della Vergine Santissima, che aiuta ad ele­vare a lei frequentemente il cuore; è un invito a vivere alla divina presen­za; è anche al tempo stesso ricordo della presenza morale di Maria a chi vive in familiarità con lei e a lei ricor­re nelle azioni e nelle tentazioni.Lo Scapolare è segno di alleanza e patto eterno tra Maria e coloro che lo portano. È segno di protezione nei pericoli. In ogni occasione e in ogni tentazione possiamo rivolgerci a Ma­ria dicendogli: “O Santa Maria, rivol­giti a me e abbi pietà di me! Comuni­cami la tua forza, dammi un segno propizio; perché gli avversari lo vedano e rimangano confusi, perché tu, o Madre, mi aiuti e mi consoli!”.Da quanto detto si può concludere che lo Scapolare in modo forte e al tempo stesso soavemente unisce la persona che lo porta all’ossequio del­la Vergine Maria e la funzione di uni­re è espressa dai lacci dello Scapolare collocati sulle spalle e la stessa Vergi­ne Maria sembra dire ai fratelli e so­relle carmelitani: “Con i vincoli della bontà io li attiro, con i lacci dell’amo­re”.

Mattia di S. Giovanni