30 luglio 2015

Con Edith Stein sui passi di Teresa

Da oggi seguiamo i passi di Santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein, Breslavia, Polonia, 12 ottobre 1891 - Auschwitz, Polonia, 9 agosto 1942) vergine dell’Ordine delle Carmelitane Scalze e martire,  nata ed educata nella religione ebraica. Dopo avere per alcuni anni dedicato gran parte del proprio tempo alla ricerca di un equilibrio interiore e della verità, immergendosi fra l'altro nello studio e nell'insegnamento della filosofia, legge il Libro della Vita di Teresa d'Avila e sente di aver trovato la propria via. Molto diversa da quella che aveva immaginato. dirà in seguito, infatti:

"Ciò che non era nei miei piani era nei piani di Dio"

Così Edith sceglie la via cristiana: il Battesimo e un lungo discernimento che la porterà al Carmelo di Colonia, nel 1933. La sua vita finisce a 51 anni, il 9 agosto 1942, tragicamente, ad Auschwitz vicino a Cracovia, dove fu uccisa in una camera a gas.

Che cosa può avere Edith Stein in comune con ogni donna di oggi? Molti aspetti, se impariamo a conoscerla, negli anni trascorsi prima della radicale scelta della clausura. Proprio i quarantadue anni di vita da lei trascorsi nel mondo offrono uno spunto di riflessione per ogni donna, direi per ogni persona. La vita di Edith Stein, infatti, può farci comprendere che la strada della santità non è impercorribile e che scoprire come realizzare se stessi (che non è altro che rispondere alla propria vocazione) è l’unica strada che ci fa sentire al posto giusto e ci dona la gioia di vivere.

Per conoscerla meglio puoi ordinare alcuni libri dal catalogo www.edizioniocd.it: