09 settembre 2012

E' in Vaticano la causa di canonizzazione di "Sabeth"


E’ a Roma, in Vaticano, da qualche giorno il dossier sul miracolo che potrebbe far divenire santa, Elisabetta Sabato 25 di agosto, infatti, durante la celebrazione dei Vespri nella cappella del Carmelo Flavignerot, ebbe luogo la chiusura della fase diocesana del processo per la canonizzazione della Beata Elisabetta della Trinità (1880 -1906), presieduta per monsignore Roland Minnerath, arcivescovo di Dijon, che nel luglio dello scorso anno diede inizio al processo di investigazione.
Il miracolo che potrebbe far diventare santa la giovane carmelitana di Digione, autrice di quella bellissima preghiera che è l’Elevazione alla Santissima Trinità,  è l’inspiegabile guarigione di Marie-Paul.
Marie-Paul nel maggio 1997 cominciò a patire una forte difficoltà nell'articolare parole con problemi di salivazione. Dietro consiglio di un'amica medico, si sottopose ad alcune analisi cliniche che rivelarono che soffriva del morbo di Sjegren, una malattia che avrebbe progressivamente colpito diverse parti del suo organismo.
         Dopo aver subito molti trattamenti e cure mediche senza successo, intraprese un viaggio a Flavignerot per ringraziare Elisabetta della Trinità per il sostegno spirituale ricevuto durante la malattia. Il 2 aprile del 2002, dopo avere pregato nella cappella del monastero ed aver ringraziato Elisabetta per il suo conforto, si sedette su una delle pietre che delimitano il parcheggio del monastero. Inaspettatamente, davanti agli occhi attoniti dei due amici che l'avevano accompagnata, si alzò con le braccia in alto ed esclamò piena di sorpresa e gioia: "Non sono più malata!" Da quel giorno, Marie-Paul riprese una vita completamente normale..
Tutti i medici interpellati per pronunciarsi sulla guarigione di Marie dichiararono il proprio stupore davanti a questa repentina regressione del male e manifestarono anche di essere stati profondamente toccati dal messaggio di Isabel della Trinidad.
Ci auguriamo che anche il Vaticano riconosca l’autenticità di questo miracolo e porti la beata Elisabetta a entrare nella rosa dei santi del nostro Carmelo Teresiano.