29 aprile 2013

S. CATERINA APOSTOLA DI VERITA' E DI AMORE

I punti di contatto con la nostra Teresa di Gesù




E’ il 1970 quando la Chiesa, per la prima volta, proclama due donne Dottore della Chiesa: Teresa d’Avila (il 27 settembre) e Caterina di Siena (3 ottobre), spesso la vita, la spiritualità di queste due donne coraggiose e infiammate dell'amore per Dio, si è svolta su strade parallele, pur nella diversità del periodo storico in cui hanno vissuto. Anche l'iconografia le ritrae spesso in atteggiamenti simili. 

Teresa conosceva la spiritualità della santa italiana, forse aveva letto qualcuno dei suoi scritti (le sue Lettere erano state pubblicate in Spagna nel 1512) e quando fu paragonata a S. Caterina dagli esaminatori del manoscritto del Castello Interiore, fu certamente lusingata. Erano nate nello stesso mese, Caterina il 25 marzo 1347 e Teresa il 28 marzo 1515. Come Caterina anche Teresa fu colpita da un raggio, una freccia luminosa. Teresa fu raggiunta il cuore (trasverberazione) durante un'estasi, mentre Caterina fu investita dai raggi sanguinanti delle ferite del Crocifisso. Raccontò così quella sua estasi: "Ho visto il mio salvatore crocifisso che scendeva verso di me avvolto da una grande luce. Dalle ferite delle cinque piaghe ho visto uscire e venire verso di me i raggi sanguinanti che colpirono le mie mani, i miei piedi e il mio cuore. Compresi il misero e gridai: "Signore, fa' che le cicatrici non siano visibili sul mio corpo". Anche Caterina, come Teresa di Gesù, comprende che i segni e le grazie che le dona il Signore non sono un segno di distinzione o superiorità, ma un invito a soffrire come Lui.
Teresa d'Avila, nelle Seste Mansioni, infatti scrive:

Le grazie predispongono  l'anima che coopera a diventare una generosa serva di Dio


 Per approfondire la conoscenza di questa grande santa domenicana, la donna che ebbe l'ardire di chiamare il Santo Padre Gregorio  XI "Babbo mio, dolce Cristo in terra" e dirgli  "Pregovi che facciate virilmente ciò che avete a fare, e con timore di Dio" (Lettera 185) :